Skip to Primary Navigation Vai direttamente al sito Vai direttamente al contenuto principale All 3M.com Site Map

3M™ APR-DRG


Una classificazione più fine perché la severità della malattia e il rischio di morte hanno un forte impatto sul costo di un ricovero

Caratteristiche:

Il sistema di classificazione 3M™ APR-DRG (All Patient Refi ned DRG) è un’estensione del DRG CMS (Center for Medicare & Medicaid Services) adottato nel 1995 dal Ministero della Salute come base di rimborso delle prestazioni ospedaliere. Il sistema 3M™ APR-DRG si propone come strumento di misurazione affinato della casistica ospedaliera per l’analisi degli esiti del percorso assistenziale.

Gli APR-DRG sono articolati in sottoclassi che differenziano i pazienti in relazione alla severità della malattia e al rischio di morte. Tali sottoclassi descrivono l’impatto della gravità clinica sull’intensità di assorbimento di risorse nel processo assistenziale. Per ciascuna sottoclasse è disponibile un peso relativo che esprime la costosità media di un caso rispetto alla costosità del caso medio non differenziato in una popolazione di riferimento. Praticamente quindi ciascun APR si articola in 4 sottoclassi omogenee (1 = Lieve, 2 = Moderato, 3 = Grave, 4 = Estremo) che differenziano i casi in relazione alla Severità della Malattia (SM), in termini di entità dello scompenso fisiologico o di perdita di funzionalità di organo, ed in relazione al Rischio di Morte (RM), inteso come probabilità di decesso. Il sistema APR assegna i suoi descrittori (APR, SM, RM) utilizzando la base dati della SDO. Si intuisce quindi l’importanza della qualità della codifica.Tanto più sarà specifica, completa e corretta la SDO, tanto più si possono effettuare valutazioni appropriate sulla casistica analizzata. La bontà del dato rimane dunque un elemento fondamentale.

Vantaggi

Grazie alle informazioni aggiuntive “severità della malattia” e “rischio di morte” e quindi alla classificazione più fine è pertanto possibile non solo svolgere analisi più profonde ma anche valutare meglio l’appropriatezza organizzativa dei ricoveri ospedalieri.